RISTRUTTURAZIONE VOLUMETRICA DEL VISO

Con acido ialuronico CPM ad alto cross linking ed effetto contouring con idrossiapatite di Ca.

Finissage con incobotulinum toxin 100 unità per il lifting di guance e collo

 

Molti dei pazienti che giungono alla ns osservazione presentano inestetismi  del viso legati ad invecchiamento e/o di origine morfo scheletrica

  • • Arcate sopraccigliari e tempie incavate
  • • perdita di volume della regione zigomatico malare con conseguente accentuazione delle pieghe naso geniene
  • • lassità cutanea a carico delle guance con perdita di definizione del contorno mandibolare
  • • Labbra sottili o riassorbite
  • • spesso associata lassità del sottomento e del collo
  • • Disarmonico rapporto di volumi e proiezioni tra naso, labbra, mandibola e mento
  • • (II e III classe scheletrica)

Tutte queste condizioni singolarmente e più spesso in combinazione conferiscono al volto un aspetto stanco, disarmonico, vecchieggiante, talvolta goffo

Un attento studio delle caratteristiche del viso e l’utilizzo singolarmente o combinato di HA, Idrossiapatite di Ca e tossina botulinica ci consente nella maggior parte dei casi il raggiungimento di risultati estetici eccellenti, in tempi brevi ( 1-3 sedute ) senza disagi significativi per il paziente.

Questo procedimento è semplice e sicuro, non disturba la vita di relazione e l’attività lavorativa, e i risultati sono altamente soddisfacenti, anche con una singola applicazione ed è ripetibile.

In conclusione, vale ricordare che il ns intervento deve essere finalizzato alla ricerca dell’armonia dei volumi e delle proporzioni nel rispetto delle caratteristiche fisiognomiche

  • • Materiali e metodi:
  • • - HA monofasico polidensificato per la regione zigomatico malare, pliche naso-geniene
  • • - Idrossiapatite di calcio, ruga della marionetta contorno mandibolare, mento;
  • • - HA per la ridefinizione del contorno e del volume delle labbra;
  • • - tossina botulinica per il trattamento delle rughe glabellari, frontali e perioculari
  • • - finissage con incobotulinum toxin 100 U iperdiluito per il lifting di guance e collo

FOCUS SULLE LABBRA

Ridefinizione e volumizzazione con acido ialuronico monofasico polidensificato a cross linking dinamico

Tecnica ‘’caso per caso’’ per risultati naturali

Le labbra rappresentano nel terzo inferiore del viso l’elemento estetico più rilevante

Labbra  ben definite e volumetricamente adeguate sono di cruciale importanza nell’armonia globale del volto per la correlazione con le altre componenti facciali (naso, mento, zigomi, angoli mandibolari, regione periorale,arcate dentali)

Imprescindibile prima di iniziare il trattamento delle labbra con filler è l’anamnesi ( presenza di pregressi filler permanenti) e una valutazione cefalometrica ed estetica

Molti dei pazienti che giungono alla ns osservazione presentano inestetismi del profilo del viso legati ad un disarmonico rapporto di volumi e proiezioni tra naso, labbra e mento.

Pensiamo a nasi naturalmente inestetici, ad esiti di rinoplastica e/o post traumatici del naso, labbra sottili e scarsamente rappresentate, mandibole scarsamente o eccessivamente proiettate anteriormente (retrognatismi e prognatismi)

Tutte queste condizioni singolarmente e più spesso in combinazione conferiscono al volto, soprattutto alla sua osservazione di profilo, un aspetto disarmonco e in molti casi goffo.

Un attento studio delle caratteristiche del viso e l’utilizzo di filler appropriati per la ridefinizione e/o volumizzazione delle labbra  consentono nella maggior parte dei casi il raggiungimento di risultati estetici eccelenti, in tempi brevi ( 1-2 sedute ) senza disagi significativi per il paziente.

Materiali e metodi

 HA monofasico polidensificato

22,5mg/ml          Livello di cross linking medio

25,5mg/ml          Livello di cross linking alto

Aghi                      27g x 40mm

                                28g x 19mm

                                30g x 13mm

Crema anestetica per 20’ in occlusione (lidocaina 20%-Prilocaina 5%-Tetracaina 5%)

 Tecnica  legata a:

caratteristiche cefalometriche

caratteristiche delle labbra

caratteristiche delle arcate dentali

gusto e aspettative del paziente

Conclusioni – Una valutazione globale del viso e l’utilizzo di filler e tecnica adeguate  consentirà di ottenere eccellenti risultati estetici in tempi brevi senza particolari disagi per il paziente.

In conclusione vale ricordare che il ns intervento deve essere finalizzato alla ricerca dell’armonia dei volumi e delle proporzioni nel rispetto delle caratteristiche fisiognomiche.

TITOLO:

LIPOFILLING. "VOLUMETRIC ANALYSIS OF FAT INJECTION BY COMPUTERIZED TOMOGRAPHY”.

INNOVATIVO STUDIO VOLUMETRICO DEL GRASSO AUTOLOGO INIETTATO.

INTRODUZIONE: Il lipofilling è una procedura chirurgica che è comunemente utilizzata per correggere deficit volumetrici a carico dei tessuti molli.  In letteratura si trovano moltissimi lavori sulle varie tecniche di gestione del grasso autologo prelevato. Un aspetto che tutt’ora risulta  difficilmente valutabile e sopratutto quantificabile è la reale stabilizzazione del grasso iniettato nel tempo. Al momento attuale sono state proposte metodiche di quantificazione che si basano esclusivamente su un’analisi bidimensionale (valutazione della variazione dello spessore del grasso iniettato nel tempo mediante l’esecuzione di risonanza magnetica pre- e post- procedura di lipofilling).

OBBIETTIVI: L’obbiettivo di questo studio è quello di proporre una metodica che permetta una valutazione volumetrica tridimensionale del grasso autologo iniettato consentendo così di quantificare il suo reale mantenimento nel tempo.

MATERIALI E METODI: Tutti i pazienti trattati (sedici pazienti di sesso femminile con età compresa tra i 18 e i 36 aa), presentavano un deficit volumetrico a carico dei tessuti molli a livello facciale. Nessuno aveva eseguito precedenti procedure chirurgiche di lipofilling. Il campione si compone di pazienti avviati a trattamento chirurgico ortognatico per correzione di deformità dentoscheletriche. Prima di procedere al trattamento chirurgico, previa valutazione clinica e fotografica, il paziente ha effettuato una TC Cone-beam del  massiccio-facciale. I dati acquisiti hanno permesso di stimare il deficit volumetrico per ogni singolo caso. Il grasso è stato prelevato a livello addominale ed è stato sottoposto a sola decantazione, senza processi di lavaggio o centrifugazione. Le aree trattate sono state: regione malare, submalare, geniena, paranasale e nasolabiale. A distanza di 3 e 8 mesi dalla procedura di lipofilling i pazienti sono stati sottoposti ad una nuova acquisizione TC (modalità di acquisizione identiche a quelle utilizzate in fase preoperatoria). Mediante un software quantitativo specifico “3DSlicer”, basandosi sui vari gradi di densità rilevabili alla TC, si è potuto identificare e quantificare volumetricamente il grasso autologo iniettato.

RISULTATI: Il deficit volumetrico preoperatorio calcolato corrisponde al volume di grasso autologo  iniettato. Il volume medio di grasso iniettato è 15,5 cm3.

A 3 mesi dalla procedura chirurgica il volume medio calcolato è di 9,49 cm3.

L’esecuzione di una TC Cone-beam a 8 mesi permette di calcolare la percentuale di riassorbimento nel tempo (Tc Cone-beam in fase di esecuzione).

CONCLUSIONI: La possibilità di comparare, dal punto di vista tridimensionale, il volume di grasso autologo iniettato con quello ancora presente, in sede di trattamento chirurgico, a distanza di 3 e 8 mesi fa si che si possa effettuare una valutazione del grado di mantenimento nel tempo.

Questo permette cosi di fare una previsione del risultato chirurgico finale.

Alessio Pirino MD

Giorgio Maullu M.D.

INTERAZIONI TISSUTALI NEL RIPRISTINO VOLUMETRICO DOPO UN ANNO DI PERMANENZA NEI TESSUTI

DI UN FILLER A BASE DI AGAROSIO

Da circa un ventennio la richiesta di fillers per la ristrutturazione dei tessuti dermici è aumentato in modo esponenziale, come peraltro, data la richiesta, sono aumentate le molecole che possiedono tale qualità. Il tessuto umano ovviamente reagisce a qualunque stimolo esogeno con l’attivazione del sistema immunitario. La presente comunicazione valuta la risposta tessutale all’utilizzo di un gel a base di agarosio e la sua grandissima performance nell’adattarsi al tessuto ricevente con un basso effetto immunogeno ed un’eccellente risultato estetico a lunga durata dopo 12 mesi di permanenza nel tessuto. Viene presentato il primo lavoro effettuato sull’uomo tramite biopsia

SALTI

SIAMO SICURI CHE IL NATURALE E’ IL MODELLO DI RIFERIMENTO?

MODELLI ONLINE DI BELLEZZA CONTEMPORANEA

Da sempre in medicina estetica proponiamo dei modelli di trattamento il cui standard di riferimento sia il cosiddetto “naturale”, rifacendoci a modelli di bellezza classica, da Fidia a Leonardo da Vinci.

Se questo può essere un valido riferimento per la generazione intermedia, siamo sicuri che possa valere anche per le generazioni più giovani, compresi i cosidetti “millennials”?

Abbiamo pertanto fatto una ricerca attraverso Instagram, di gran lunga la piattaforma online più utilizzata per esibire e consultare tutto ciò che fa tendenza oggi, con una valutazione ripetuta ogni mese per 3 mesi consecutivi, al fine di ottenere informazioni statisticamente ponderate. La ricerca si è focalizzata sull’individuazione dei profili femminili più seguiti in assoluto, sui profili di modelle e fitness models più seguiti, e sui profili di bellezza più seguiti dai cosiddetti “millenials”.

Verranno esposti i risultati della ricerca, in netta contraddizione con il nostro modello tradizionale di bellezza naturale, con evidenziazione delle caratteristiche somatiche e cosmetiche salienti nei profili instagram più seguiti.

UN BOOSTER A DOPPIA AZIONE: DISTENSIONE DELLE RUGHE SOTTILI ED IDRATAZIONE PROFONDA DELLA CUTE

Patrizia Piersini

Torino - Docente della Scuola Superiore di Medicina Estetica dell’Agorà di Milano

Annalisa Beatini 

Sarzana – Specialista in Chirurgia Generale e Medico Estetico

Flavia Passafiume

Torino – Medico chirurgo

Obiettivi

Per il ringiovanimento della cute, una tecnica ormai accreditata utilizza  acidi ialuronici con azione fortemente idratante in grado di stimolare anche la produzione di collagene ed elastina.  Questi prodotti sono definiti “booster” ed hanno la funzione di bilanciare l’idratazione cutanea senza modificare i profili del viso. Spesso, però, per ottenere risultati ottimali il medico ed il paziente vorrebbero anche ottenere un miglioramento clinico delle rughe fini e sottili, come ad esempio le rughe mimiche perioculari o peribuccali, o le sottilissime rughe della guancia che compaiono nelle pelli con un grado avanzato di fotoinvecchiamento cutaneo.

Un nuovo booster si propone di soddisfare entrambe le esigenze.

Materiali e metodi

Gli Autori per questo studio hanno valutato 50 pazienti, di età compresa tra i 30 ed i 75 anni, utilizzando uno skinbooster composto da 25 mg/ml di acido ialuronico ultrapuro, risultato di una tecnologia innovativa in grado di ottimizzare miscele di acidi ialuronici a diverso peso molecolare (50% di acido ialuronico con PM di 1000 Kilodalton e il restante 50% di 2000 Kilodalton).

Il protocollo ha previsto l’inoculazione del prodotto sia  a livello del derma superficiale per mezzo di aghi sottilissimi (33 G - 9 mm) per un’ azione “stretching”  che nel derma profondo, con aghi 29 G – 13 mm,  per un’intensa azione idratante e ristrutturante.

Sono state effettuate 2 sedute a distanza di 60 giorni l’una dall’altra.

Risultati

Gli Autori hanno evidenziato un aumento dell’idratazione ed un miglioramento della trama cutanea e delle rughe mimiche del volto.

Conclusioni

L’utilizzo di questo nuovo booster permette di ottenere un miglioramento concreto ed immediato dell’aspetto della pelle con un protocollo molto rapido e di semplice esecuzione.  La pelle risulta più tonica, più elastica, più distesa e dall’aspetto più luminoso.

 

Dove siamo

Via San Francesco d'Assisi 4/A
20122 Milano - Italia

Contatti

Tel: +39 02 86 45 37 80
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Selezione lingua

Social Network

Copyright © 2017 - MEDICINA ESTETICA - Agorà Società Italiana di Medicina Estetica - Milano
Powered by Digigreg